Cappelli alti di forma – Umberto Eco

OPINIONI

(28 settembre 2007)

di Umberto Eco
Original post available here.

Il traduttore dovrebbe fare il massimo per rendersi invisibile. È solo nei libri mal tradotti che si avverte come nella lingua di arrivo si stabiliscano delle forzature se non delle inverosimiglianze

————————

Sono appena tornato da Berlino dove si è svolto un convegno (in effetti la celebrazione dei primi dieci anni di vita) del Fondo Tedesco dei Traduttori (Deutscher ?œbersetzerfonds), un’organizzazione che incoraggia, assiste e difende il lavoro dei traduttori, oltre che a promuovere incontri e confronti di alto livello culturale, come quello a cui ho assistito. L’importanza che i tedeschi danno a una organizzazione del genere era testimoniata dalla presenza del presidente della Repubblica federale.

Che da decenni si sia risvegliata l’attenzione per il fenomeno della traduzione è testimoniato dalla nascita di centri universitari e riviste per lo studio della traduzione. I motivi sono molti, ma forse il primo è che, se pure continuiamo a prevedere che un giorno tutti parleranno solo inglese, di fatto mai come oggi lingue diverse sono obbligate a confrontarsi, e basti pensare al numero di traduttori simultanei necessari per le riunioni del parlamento europeo – o al fatto che molte città americane sono ormai di fatto bilingui, con segnalazioni di vario tipo in spagnolo.

Una delle battaglie dei traduttori è stata da anni quella per avere il nome sul frontespizio (non come co-autore ma almeno come mediatore fondamentale), e non relegato in carattere minore in quella contro-pagina d’inizio che oggi chiamiamo impropriamente colophon. Direi che è battaglia vinta, almeno da parte dei maggiori editori, ma ancora l’altro giorno qualcuno si lamentava che l’uso si sia generalizzato per le traduzioni letterarie ma non per le traduzioni saggistiche, come se tradurre un saggio filosofico non fosse spesso più impegnativo che tradurre un romanzo d’amore. Mi pare che anche per la saggistica il rispetto del traduttore si sia ormai affermato, ma se qualcuno si lamenta vuole dire che esistono ancora delle frange irrispettose.

A molti la cosa potrà parere inverosimile, ma vi assicuro che la stragrande maggioranza dei lettori, anche quando sa che sta leggendo il libro di uno straniero, non si rende conto che è tradotto. È un fenomeno psicologico abbastanza complesso, ma me ne accorgo quando, trovandomi in un paese straniero in cui un mio libro è stato tradotto, sono talora avvicinato da persone che mi parlano nella loro lingua rimanendo poi stupiti che io non la capisca; rimangono stupiti perché mi hanno letto in quella lingua e dunque pensavano che fossi io a ‘parlare’ in quel modo.

Dura e paradossale fatica è dunque quella del traduttore, il quale dovrebbe fare il massimo per rendersi invisibile, come se si instaurasse un dialogo diretto tra lettore e autore originale, eppure vorrebbe (giustamente) che questa invisibilità fosse premiata con una certa visibilità. Eppure il successo del traduttore è proprio il raggiungimento dell’invisibilità: è solo nei libri mal tradotti che si avverte come nella lingua di arrivo si stabiliscano delle forzature, dei giri faticosi di parole, se non addirittura delle inverosimiglianze. Il lettore ingenuo trova il libro semplicemente duro da leggere, il lettore avvertito invece subodora subito un errore di traduzione, e addirittura dall’errore è capace di indovinare che cosa diceva il testo originale.

Recentemente su un saggio che non dico (tradotto dal francese), ho letto che un tizio portava un cappello ‘alto di forma’. In italiano questa espressione, oltre che insolita, non dice niente: che cos’è un cappello alto di forma, un cono da mago Merlino, un turbante da eunuco del Serraglio, un cappellaccio alla Capitan Fracassa con pennacchio incorporato? In realtà in francese un cappello ‘haut-de-forme’ è un cappello a cilindro. Siccome che un cappello sia alto di forma in italiano non vuole dire niente, il traduttore avrebbe dovuto nutrire un sospetto, e gli sarebbe bastato aprire un dizionario (per esempio nel mio Boch Zanichelli ‘haut-de-forme’ esiste come voce a sé). Perché non l’ha fatto (e avverto subito che nello stesso libro ho trovato altre amenità del genere)? Perché andava di corsa, o perché era il solito professore disonesto che aveva fatto lavorare gratis lo studente più stupido (stupido perché traduce male e stupido perché si fa sfruttare). Ed ecco un altro argomento centrale in ogni convegno di traduttori: il compenso.

Ci sono paesi dove un traduttore riceve una percentuale sui diritti (e quindi è personalmente interessato al successo del libro) o in ogni caso viene compensato in modo da poter dedicare a una traduzione anche due o tre anni. E ce ne sono altri in cui il compenso è miserabile e il traduttore deve tradurre più libri l’anno, e quindi è ovvio che tiri via. Spesso, siccome il compenso è basso, si affida il lavoro a chi lo fa per occupare un periodo difficile. Avendo lavorato in una casa editrice per anni, ho rilevato che a proporsi come traduttrici erano moltissime signore neo-divorziate. Emergono allora dalla folla solo i traduttori per amore, che lo farebbero anche gratis – e ce ne sono. Ma è pretendere troppo che per far bene un mestiere si debba essere ricchi di famiglia.

No Peanuts! doesn't pretend to be a representative democracy. We don't publish comments that denigrate our movement, attack our writers, or show disrespect for translators. All comments must be signed with first/last name and include a verifiable email address.

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s